MAFIA, CONSIGLIO PUGLIA VARA COMMISSIONE REGIONALE DI STUDIO E INCHIESTA SUL FENOMENO DELLA CRIMINALITÀ ORGANIZZATA

Iniziativa approvata alla unanimità dall'assemblea regionale

cdg-regione-puglia1

 

La Regione Puglia si dota di una commissione di studio sulle attività di carattere mafioso e i fenomeni criminosi, illegali e corruttivi, con riferimento particolare anche alle gestione dei rifiuti e al coinvolgimento delle agromafie. Il Consiglio regionale ha infatti approvato all’unanimità l’istituzione dell’organo consultivo, con finalità conoscitive e compiti di proposta. All’Ansa il presidente dell’Assemblea Mario Loizzo ha detto che questa “è una prova di grande sensibilità sui problemi della legalità e della sicurezza che la società civile avverte come prioritari. È significativa l’unità del Consiglio sull’iniziativa legislativa, frutto di un confronto con i rappresentanti della magistratura penale e contabile, delle camere penali di tutte le province e di altre autorità competenti”.

Il testo approdato in Aula è frutto della sintesi delle due pdl a firma M5S e ‘Emiliano sindaco di Puglia’. Prevista la rotazione dell’Ufficio di presidenza della Commissione: sarà eletta a scrutinio segreto e durerà in carica un anno.

Dalla Regione il Presidente Michele Emiliano soddisfatto per l’approvazione all’unanimità della legge istitutiva della Commissione ha espresso apprezzamento e gratitudine anche ai magistrati delle Procure pugliesi e della Corte dei Conti ed ai rappresentanti delle Camere Penali e degli Ordini degli Avvocati che hanno partecipato ai lavori preparatori garantendo contributi preziosi e attenzione istituzionale. “Sono certo che il lavoro congiunto tra la Sezione antimafia sociale istituita presso la Presidenza e la Commissione che vede la luce oggi, darà buoni frutti a partire dalla redazione di un Testo Unico sull’antimafia sociale”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*



*