CONSORZI DI BONIFICA, TRIBUTO 630 SOSPESO FINO AL 26 NOVEMBRE

Confconsumatori Altamura: sospensione ragionevolmente applicabile anche per Terre d’Apulia

consorzio-bonifica

 

La SO.G.E.T. ha sospeso, dal 26 settembre al 26 novembre 2016, l’attività di riscossione del Tributo 630 per l’anno 2014 emesso dai Consorzi di bonifica Arneo e Ugento Li Foggi: lo annuncia con un comunicato la Regione in risposta alle richieste pervenute dai Sindaci dei Comuni facenti parte dei comprensori dei consorzi di Bonifica commissariati dell’area salentina e dalle Associazioni di categoria regionali. La decisione è stata assunta dall’Ente di riscossione del Tributo 630 che ha evidenziato duplicazioni dei ruoli e anomalie tecniche. Si tratta di una sospensione che non comporta l’interruzione dei termini di impugnazione alla Commissione Tributaria né la decorrenza degli interessi. “I 60 giorni di sospensione coatta -sottolinea l’assessore alle Risorse agroalimentare della Regione Puglia Leonardo Di Gioia- sono un arco di tempo utile alla Struttura regionale per analizzare i contenziosi tributari in corso. In modo tale -aggiunge di Gioia- da rendere il percorso amministrativo quanto più lineare possibile, proprio in questa fase importante di riforma delle strutture consortili e dell’intero sistema di bonifica”.

L’ufficio legale della Confconsumatori di Altamura che si sta occupando di tanti ricorsi di cittadini che rigettano la gabella, a voce dell’avv. Giuseppe Pignatelli, fa sapere che “tenuto conto della notizia sopra riportata, tenuto conto delle dichiarazioni dell’Assessore all’Agricoltura della regione Puglia dello scorso agosto anche in ordine, tra gli altri, al Consorzio Terre d’Apulia, la sospensione del tributo, anche se non chiaramente espresso, potrebbe ragionevolmente ritenersi applicabile anche al comprensorio che interessa il Consorzio Terre d’Apulia. Praticamente dalla SO.G.E.T., prima di procedere con qualsiasi atto, dovranno attendere che si concludano nel merito la maggior parte dei contenziosi.”

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*